Pubblicato in: Senza categoria

#Pisa Book Festival: intervista ad Alessio Del Debbio

Come anticipato qui, ho avuto il piacere di incontrare Alessio Del Debbio e ne ho approfittato per intervistarlo, con la partecipazione speciale di Chiara, la mia coinquilina.

Per me è stata una conversazione stimolante, così come quella con Giordana Gradara.
Curiosi di sapere cosa ci siamo detti? Allora non vi resta che leggere.

pbf-alessio-del-debbio-semepi

Dalla tua biografia emerge la tua passione per il fantasy, eppure tra le tue pubblicazioni questo genere manca, a parte un racconto inserito nell’antologia Dreamscapes. Come mai non ti sei cimentato nella scrittura di un romanzo fantasy?
In realtà mi sono cimentato: ho scritto L’ora del diavolo, un’antologia di racconti fantastici ispirati a leggende lucchesi e delle Alpi Apuane, quindi sono tutte storie un po’ fantastiche, un po’ di terrore ambientate nella zona di Viareggio, Lucca, Alpi Apuane, Garfagnana, e legate al folklore locale. In più dal prossimo anno, forse a giugno, uscirà il mio primo romanzo Urban Fantasy ispirato alla mitologia nordica e avrà protagonisti gli úlfheðnar di Odino, cioè questi uomini lupo che vivono sulle montagne della Garfagnana. Sarà l’inizio di una trilogia.

Come si è rivelata finora la tua esperienza con l’associazione Scrittori Emergenti Uniti?
Molto positiva, anche perché come autori emergenti, da soli, è effettivamente molto difficile farsi notare, serve veramente tanto lavoro di relazioni, oltre che scrivere un buon libro, ma anche a livello promozionale è difficile farsi notare. Quindi mettersi insieme, essere un gruppo di autori che magari si sostiene a vicenda è positivo, aiuta umanamente ma anche professionalmente. Ben vengano questi gruppi di gente che ha voglia di fare.

La tua zona ti sostiene e ti valorizza in qualche modo?
Non molto, purtroppo. A Viareggio abbiamo un caffè letterario aperto da poco, molto carino, dove ogni tanto ho fatto un paio di eventi, ho presentato il mio libro e i libri di altri amici scrittori, però per il resto non c’è molto. Solo d’estate c’è un po’ di giro grazie al turismo, in passeggiata e in zona mare, quindi si possono organizzare aperitivi letterari, però purtroppo non è una cosa così diffusa.

Ma c’è partecipazione a questi eventi?
Purtroppo limitata, non c’è molto interesse.

Cosa ne pensi dell’autopubblicazione?
Diciamo che ha i suoi lati positivi e i suoi lati negativi. È positivo che un autore si possa organizzare da solo, può scegliere la copertina che vuole, curare il testo, farlo uscire quando vuole e, ovviamente, avrà il guadagno tutto per sé, cosa che di solito, con le case editrici, è un guadagno molto piccolo, intorno al 5-7%. Il lato negativo è che il più delle volte non hai un confronto professionale con qualcuno che è del settore e che dovrebbe saper fare il suo lavoro. A me è capitato di leggere testi autoprodotti che erano terribili, mi dispiace dirlo, al di là del gusto personale, intendo proprio come grammatica. Purtroppo c’è anche l’altra faccia della medaglia, si rischia di pubblicare qualsiasi cosa, c’è un marasma di pubblicazioni e il lettore è disorientato. Alla fine magari quello che scrive peggio riesce a vendersi meglio di quello che comunque ha scritto un libro di qualità, ma non sa proporsi. Quindi si crea questa situazione un po’ caotica.

Ecco, veniamo alla pubblicità su Facebook: spam inutile o serve davvero a farsi notare?
Più che spam direi promozione sui gruppi e sulle varie pagine di Facebook, però senza mai essere invasivi. Io partecipo a un paio di gruppi, ma cerco di rispettare i programmi: se un giorno parliamo dei luoghi dei libri è inutile postare semplicemente il link, di’ qualcosa sul luogo, cerca di partecipare alla discussione e magari riesci a stabilire anche qualche contatto con altri autori e da cosa può nascere cosa. Bisogna farlo con moderazione, più che altro.

Chiedevo, perché da esterna mi sembra che alla fine si svolga tutto tra gli autori, e che i lettori spesso percepiscano la cosa più come promozione spudorata e, per questo, evitino di seguire attivamente questi spazi.
Sì, infatti su qualche gruppo ogni tanto spunta un sondaggio tipo: “ma c’è qualcuno che legge questi post che scriviamo?”. Effettivamente il più delle volte sono gruppi di spam. Io partecipo a tanti e quelli che hanno qualche argomento di discussione saranno sei/sette. Ti dico dieci proprio a dir tanto, ma sono comunque pochi.

Perché infatti secondo la mia percezione, non si crea neanche una discussione tra lettore e autore o anche semplicemente tra i vari lettori.
No, infatti io prediligo quei gruppi dove c’è il tema della giornata e si cerca di rispettarlo: magari un giorno si parla dei personaggi, un altro dei luoghi, si mettono le foto. Insomma, qualcosa di diverso.

Quindi basta trovare i gruppi giusti?
Sì, e anche leggere!

(Domanda della mia coinquilina) Ho visto che hai partecipato a diversi corsi di scrittura: volevo sapere se sono effettivamente utili oppure no.
Secondo me servono molto. Ovviamente devono essere fatti bene, questo è chiaro. Devo dire però che più che corsi ho seguito dei laboratori, sembra una distinzione minima, però il corso è una cosa cattedratica, diciamo, il laboratorio è più creativo. Effettivamente, se vuoi migliorarti, devi ovviamente imparare alcune tecniche, leggere tanto, però fare molta pratica anche con qualcuno che ti segue. Io ho partecipato ad alcuni laboratori con Mirco Tondi, uno scrittore di Firenze che si occupa da tanti anni di organizzare cose del genere. Fa cinque o sei laboratori l’anno con gruppi ristretti, massimo otto persone, quindi riesci a seguirli bene e sono molto creativi, puoi dare spazio alla tua fantasia, ovviamente seguendo un percorso dall’inizio alla fine e fare tanti esercizi. Anche i più vari, per esempio scrivere uno stesso testo con un punto di vista diverso, creare nuovi personaggi, tutta una serie di esercizi anche mentali che servono a stimolarti. Poi ovviamente bisogna leggere tanto, anche i classici oltre che quelli contemporanei, perché alla fine se se ne parla ancora dopo tanti secoli un motivo c’è.
Tornando ai corsi, a me sono serviti, anche perché ti confronti con gli altri, anche se all’inizio si è un po’ timidi e ci si sente in imbarazzo a leggere agli altri i propri testi, però si è tra persone che vogliono imparare e confrontarsi. Poi con alcuni scrittori di Viareggio, con cui ho seguito questo laboratorio, abbiamo creato un’associazione culturale Viareggio con cui ci organizziamo per promuovere i nostri libri alle presentazioni, quindi si è creato anche un buon clima.

Grazie per averci concesso un po’ del tuo tempo!
Grazie a voi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...