Pubblicato in: Interviste

#Parola di… Melania D’Alessandro: consigli

Oggi è l’ultimo appuntamento con l’intervista a Melania D’Alessandro, autrice de “La città nascosta” e “Sogni di Carta”, entrambi editi da Leucotea edizioni.
Abbiamo lasciato all’ultimo i consigli di Melania agli aspiranti scrittori!
Vi invitiamo a partecipare con commenti, domande, curiosità
sia qui sotto sia sulla pagina, se preferite, Melania passerà a rispondervi. Non siate timidi!

I LIBRI

la-citta-nascosta-2TRAMA:
Attraverso un portale trovato in biblioteca, Sofia arriva in un mondo parallelo, uguale a quello dove è cresciuta, ma profondamente diverso. Una realtà che si distrugge in continuazione e che con eguale rapidità si ricostruisce, un susseguirsi del tempo irregolare in cui non si sa mai in quale epoca ci si possa ritrovare, un mondo nuovo, dove si possono incontrare personaggi strepitosi e posti al limite dell’impossibile. Un viaggio capace di ribaltare le certezze e creare legami indissolubili, ma non di lenire la nostalgia di casa.
51thxi7ijl-_sx315_bo1204203200_TRAMA:
Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

 

domenica 26.png

Va bene leggere tanto, ma quando si può cominciare a scrivere?
Come scrive Stephen King nel suo saggio “On Writing”, la lettura è il nucleo creativo della vita di uno scrittore, per cui è da considerarsi imprescindibile. Lo stesso King, però, dice anche che non bisogna aspettare la musa ispiratrice per buttar giù una storia, e non ha tutti i torti. Si deve scrivere, affrontare la tanto temuta pagina bianca e impegnarsi con costanza. A volte è necessario buttarsi per rompere il ghiaccio, anche se è doveroso dedicarsi anche alla progettazione di quello che si vuole scrivere. La documentazione è importante, così come lo studio, ma non bisogna ammazzare la vena creativa, bensì alimentarla e non permettere mai che essa si spenga o sia rimpiazzata dalla noia.
Continua a leggere “#Parola di… Melania D’Alessandro: consigli”

Pubblicato in: Senza categoria

#Parola di… Melania D’Alessandro: editoria e fiere

Come già annunciato sulla pagina Facebook, fino a domenica saremo in compagnia di Melania D’Alessandro, autrice de “La città nascosta” e “Sogni di Carta”, entrambi editi da Leucotea edizioni.
Dopo aver parlato dei libri e delle tematiche, siamo giunti alla giornata sull’editoria! 
Vi invitiamo a partecipare con commenti, domande, curiosità sia qui sotto sia sulla pagina, se preferite, Melania passerà a rispondervi. Non siate timidi!

I LIBRI

la-citta-nascosta-2TRAMA:
Attraverso un portale trovato in biblioteca, Sofia arriva in un mondo parallelo, uguale a quello dove è cresciuta, ma profondamente diverso. Una realtà che si distrugge in continuazione e che con eguale rapidità si ricostruisce, un susseguirsi del tempo irregolare in cui non si sa mai in quale epoca ci si possa ritrovare, un mondo nuovo, dove si possono incontrare personaggi strepitosi e posti al limite dell’impossibile. Un viaggio capace di ribaltare le certezze e creare legami indissolubili, ma non di lenire la nostalgia di casa.
51thxi7ijl-_sx315_bo1204203200_TRAMA:
Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

 

sabato25.png

Come hai scoperto Leucotea?
Ho scelto Leucotea dopo aver fatto una selezione di editori della mia zona. La città nascosta è ambientato a Ventimiglia, nell’estremo ponente ligure, per cui mi sembrava più che mai doveroso provare a pubblicarlo con un editore locale, attento alle esigenze del territorio e consapevole della realtà di cui avevo narrato nella mia storia. Qualcuno ha rifiutato la mia proposta editoriale, Leucotea è stato il primo a rispondere positivamente e con entusiasmo alla mia mail, e così ho affidato a loro la pubblicazione del mio romanzo d’esordio e di quello a seguire. Ricordo di essere rimasta colpita dalla loro attenzione alla capillarità della distribuzione e alla partecipazione alle fiere nazionali.
Continua a leggere “#Parola di… Melania D’Alessandro: editoria e fiere”

Pubblicato in: Interviste

#Parola di… Melania D’Alessandro: le tematiche

Come già annunciato sulla pagina Facebook, fino a domenica saremo in compagnia di Melania D’Alessandro, autrice de “La città nascosta” e “Sogni di Carta”, entrambi editi da Leucotea edizioni.
Ieri abbiamo parlato dei suoi due romanzi, oggi ci dedichiamo invece alle tematiche su cui ha voluto porre l’attenzione.
Vi invitiamo a partecipare con commenti, domande, curiosità sia qui sotto sia sulla pagina, se preferite, Melania passerà a rispondervi. Non siate timidi!

I LIBRI

la-citta-nascosta-2TRAMA:
Attraverso un portale trovato in biblioteca, Sofia arriva in un mondo parallelo, uguale a quello dove è cresciuta, ma profondamente diverso. Una realtà che si distrugge in continuazione e che con eguale rapidità si ricostruisce, un susseguirsi del tempo irregolare in cui non si sa mai in quale epoca ci si possa ritrovare, un mondo nuovo, dove si possono incontrare personaggi strepitosi e posti al limite dell’impossibile. Un viaggio capace di ribaltare le certezze e creare legami indissolubili, ma non di lenire la nostalgia di casa.
51thxi7ijl-_sx315_bo1204203200_TRAMA:
Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

venerdì 24.png

Quali sono le tematiche de La città nascosta? Che valore ha per te la storia?
I temi portanti del romanzo sono l’importanza del passato e della storia, l’identificazione di un popolo con la sua cultura e le sue tradizioni e, ultima ma non meno rilevante, la tematica del tempo.
Conoscere le origini, le radici della propria esistenza è fondamentale per l’evoluzione, ma anche per identificarsi, per il senso di appartenenza a una comunità e difendere i propri ideali.
Ne La città nascosta la vera protagonista è la storia, intesa sì come trama, ma soprattutto come insieme di eventi accaduti in un determinato spazio temporale.
Sofia, con la sua avventura, ricorda ai lettori l’importanza della memoria, senza la quale saremmo come foglie in balia del vento. La storia è maestra: insegna a non commettere gli stessi errori del passato, lontano o vicino che sia, ci ricorda quello che siamo stati e ci offre l’obiettivo di un orizzonte da raggiungere proiettandolo in un futuro in cui il passato non viene dimenticato.
Continua a leggere “#Parola di… Melania D’Alessandro: le tematiche”

Pubblicato in: Senza categoria

#Parola di… Melania D’Alessandro, autrice di “Sogni di Carta” e “La città nascosta”

Come già annunciato sulla pagina Facebook, fino a domenica saremo in compagnia di Melania D’Alessandro, autrice de “La città nascosta” e “Sogni di Carta”, entrambi editi da Leucotea edizioni.
Come per l’intervista a Marta Duò, abbiamo suddiviso le giornate per argomenti, che trovate riassunti qui sotto.
Vi invitiamo a partecipare con commenti, domande, curiosità sia qui sotto sia sulla pagina, se preferite, Melania passerà a rispondervi. Non siate timidi!

I LIBRI

la-citta-nascosta-2TRAMA:
Attraverso un portale trovato in biblioteca, Sofia arriva in un mondo parallelo, uguale a quello dove è cresciuta, ma profondamente diverso. Una realtà che si distrugge in continuazione e che con eguale rapidità si ricostruisce, un susseguirsi del tempo irregolare in cui non si sa mai in quale epoca ci si possa ritrovare, un mondo nuovo, dove si possono incontrare personaggi strepitosi e posti al limite dell’impossibile. Un viaggio capace di ribaltare le certezze e creare legami indissolubili, ma non di lenire la nostalgia di casa.
51thxi7ijl-_sx315_bo1204203200_TRAMA:
Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

gioved' 23.png

Ne La città nascosta Sofia, la protagonista, si ritrova in una città parallela a quella in cui è nata e cresciuta, caratterizzata dal susseguirsi di varie epoche storiche. Ma La città nascosta esiste davvero?
Questa è una domanda interessante, a cui posso dare una risposta a più livelli.
La città di cui si parla nel romanzo esiste davvero, sì, ed è la stessa Ventimiglia che negli ultimi anni è diventata spesso protagonista nelle pagine di giornale dedicate all’immigrazione. Ventimiglia è la città in cui sono cresciuta, l’unico luogo che posso dire di conoscere come le mie tasche (una delle prime regole della scrittura è “scrivi di ciò che conosci bene”). Tuttavia, nel romanzo si parla anche di un’altra città, quella nascosta per l’appunto, che è una Ventimiglia parallela a quella reale. Anche questa esiste davvero, ma vive nei cuori di ognuno di noi – non solo dei ventimigliesi – e non nella realtà ordinaria che tutti conosciamo.
Ognuno di noi, con attenzione e curiosità, può accedere alla propria “città nascosta”, perché ogni luogo ha una storia, una cultura e delle tradizioni da tramandare alle generazioni future. Tutti possiamo essere come Sofia, cercatori di tesori di un passato ormai sepolto, ma che vive ancora in noi e intorno a noi, basta solo saper osservare.

Continua a leggere “#Parola di… Melania D’Alessandro, autrice di “Sogni di Carta” e “La città nascosta””

Pubblicato in: Senza categoria

I franchising e l’editoria indipendente

Oltre all’intervista di ieri, ho sentito il punto di vista di un’altra libraia, sempre di una grande catena. Non ho ricevuto risposte abbastanza esaustive per poterle riportare, ma voglio condividere con voi le riflessioni che ne sono scaturite. 

Innanzi tutto chiariamo una cosa: per citare il Qoelet e Schopenhauer “non vi è nulla di nuovo sotto il sole”. Per molti di voi queste cose saranno ovvie, anche io non ne ero del tutto all’oscuro, ma sentirsele dire da altri, da persone che ne sanno sicuramente più di te, fa sempre il suo discreto effetto.

Alcune librerie adottano libri di case editrici indipendenti in conto vendita che, se rimaste invendute, vengono restituite all’editore senza che il libraio ci rimetta economicamente. Altri franchising, invece, hanno regole più rigide, devono richiedere direttamente alla sede e, prima di tutto, il catalogo della casa editrice deve essere sul loro server, altrimenti potrete anche piangere in greco, ma la risposta rimarrà sempre la stessa: no.
Anche nel caso in cui prendessero in negozio alcuni titoli, devono rientrare in un range minimo di vendite che, se non raggiunto, comporta un bel “arrivederci, grazie e tanti saluti”.
Ma non è finita: non solo sono tenuti a vendere prima i loro libri e poi quelli di editori indipendenti, ma su questi stessi libri il 40% circa del prezzo di copertina lo guadagna la sede. 
Oltre al danno anche la beffa.
Parlando per ipotesi, proviamo a fare due calcoli: utopicamente, un autore ricava il 10% (in realtà oscilla dal 4 all’8, ma arrotondiamo per eccesso), la casa editrice del franchising il 40%, così abbiamo un totale del 50%. Il resto deve essere diviso tra il libraio e l’editore, quindi un 25% a testa, col quale a loro volta dovranno pagare svariate tasse, tipografia, distributore e dipendenti. Se ci sono altre figure a cui rendere conto, converrete con me che la situazione si fa ancora più complessa. Continua a leggere “I franchising e l’editoria indipendente”

Pubblicato in: Interviste

Piccola editoria: la parola ai librai

In questi mesi abbiamo sentito il parere degli editori, degli autori, persino di alcuni lettori… ma i librai? 
Avevo già avuto modo di intervistarne alcuni per il mio blog personale sul mercato del libro più in generale. Questa volta mi sono armata di registratore e domande più puntuali riguardo l’editoria indipendente.
Ho parlato con una ragazza molto gentile, dipendente di una libreria di una grande catena.
Potreste obiettare che non è proprio una grande idea chiedere a un libraio di una grande catena, ma io credo che sia interessante proprio per questo, il mio intento era quello di mettermi nei loro panni per un giorno, per capire anche il loro punto di vista.
Ma veniamo alle domande.

PicMonkey Image.png

Ho visto che avete dei libri dell’Astro Edizioni. Come siete arrivati a conoscere questa casa editrice e come avete scelto di tenere qualche loro libro in negozio?
Per quanto riguarda le novità riceviamo periodicamente una cedola novità nella quale ci vengono proposte tutte le novità che usciranno a breve. Quindi decidiamo se vogliamo ordinarle o no, ognuna ci invia un numero fisso di copie per rifornire il negozio. 

Avete altri libri di case editrici minori? 
Cerchiamo di tenere anche libri di piccole case editrici e di metterle un po’ in vista. Quelli di autori locali, per esempio, li teniamo sul bancone.

Ho sentito l’esperienza di alcuni autori che si sono visti rifiutare i loro romanzi da alcuni librai. Ma guardiamo anche dal punto di vista della vostra categoria: quali sono i problemi e le difficoltà del tenere sugli scaffali i libri di case editrici minori?
Il problema, purtroppo, è molto semplice: lo spazio, non basta mai, e se un libro non vende diventa un peso morto. Non è neanche così facile mettere tutto in vista. Posso tenerli qualche giorno, ma poi ci sono altri libri che ovviamente vendono di più e quindi devo pensare anche al guadagno, purtroppo è così. Se per esempio c’è una nuova uscita di Stephen King non posso mettere un libro locale al suo posto. E’ la triste realtà, ma già vendiamo poco…

Forse dipende anche dal fatto che i clienti arrivano già con le idee chiare.
Sì, è così, raramente chiedono un consiglio. Spesso vengono direttamente con le pubblicità, gli articoli di giornale. Sono pochi i clienti che girano per cercare cose particolari.

Quali sono secondo te i problemi delle case editrici indipendenti, soprattutto per quel che riguarda le vendite?
La pubblicità è tutto. Quando un libro è pubblicizzato, può essere anche illeggibile, però vende. Quelli invece un po’ più di nicchia sono più complicati da vendere, un po’ perché il pubblico non è interessato o perché la vera pubblicità è quella che conta, nel commercio funziona così.
Se un libro viene pubblicizzato su tutti i giornali sicuramente venderà, che poi sia bello o no non è detto, e anche le recensioni spesso sono di parte: se la casa editrice è grande, se l’autore è importante ne faranno recensioni entusiaste.
Mi rendo conto che per una casa editrice indipendente sia comunque difficile riuscire a farsi pubblicità in un contesto dove la Mondadori rimane un colosso.

Credi che le presentazioni possano essere utili?
Bisogna riuscire a farsi una pubblicità incredibile e avere tanti amici, altrimenti non si riesce a vendere neanche un libro. Anni fa presentavamo in negozio libri di autori locali, ma abbiamo smesso per questo motivo. Purtroppo la gente è diffidente, forse è un problema della zona, non sono apertissimi, non sono curiosi, si nota già in libreria: in pochi cercano tra gli scaffali, la maggior parte o chiede consiglio o sa già cosa vuole.

Come lettrice come ti poni nei confronti delle case editrici minori?
Mentre gli altri tendono a leggere libri più commerciali, io leggo più che altro libri di editori indipendenti, avendo la possibilità di spulciare vado a cercare piccole realtà, autori anche sconosciuti. Per esempio, mi piacciono la Nutrimenti l’Iperborea, in particolare amo la letteratura sudamericana. Purtroppo però, quando li consiglio, è difficile che io li venda, spesso i clienti non si fidano.
E’ capitato però con un libro dell’Iperborea, “
La casa della moschea“, che si sia sparsa la voce che è un capolavoro, come effettivamente è, e lo stiamo vendendo.

Parliamo di uno dei temi più caldi del settore: l’esterofilia. Hai notato se i tuoi clienti preferiscono libri di autori stranieri?
Fino a qualche anno fa sì, soprattutto per quanto riguarda i gialli: prima i giallisti americani, poi gli svedesi, adesso invece sembra che gli italiani stiano riuscendo a farsi valere, come De Giovanni, Manzini, soprattutto della casa editrice Sellerio.
Rispetto a prima, comunque, mi sembra che il fenomeno stia scemando.
Per gli altri generi non saprei, dipende dai gusti. A me piacciono molto i libri ambientati in sudamerica e in Giappone, ma cerco di leggere anche italiani, sarebbe stupido non farlo.

Ringrazio ancora moltissimo questa ragazza per essers prestata all’intervista.
Per quel che mi riguarda, ma penso anche per voi, non c’è nulla di nuovo.
Che ne pensate?

Pubblicato in: Interviste

#Parola di… Marta Duò: consigli.

Siamo giunti alla fine dell’intervista a puntate con ospite Marta Duò, autrice de “I superstiti di Ridian”.
Oggi, per concludere in bellezza, parleremo di lettura e di consigli agli aspiranti scrittori!
Vi invitiamo, come sempre, a partecipare con commenti, domande, curiosità sia qui sotto sia sulla pagina, se preferite, Marta passerà a rispondervi.

IL LIBRO

isuperstitidiridianAnteprima: sito Plesio Editore
TRAMA: 
XXV secolo: la Terra è ormai un deserto di sabbia e ghiaccio e le nuove generazioni crescono su Ridian, pianeta prossimo al centro della Galassia. La guerra contro gli antichi abitanti lo ha reso un territorio ostile, in cui le colonie terrestri non sono più al sicuro. Sotto la cupola di Red City vivono Nerissa, studentessa destinata al ritorno sulla Terra, e Handel, professoressa che le impartisce lezioni clandestine di letteratura. Una missione inattesa le trascinerà nel terribile conflitto che ha devastato i due mondi. Al centro di uno scontro di civiltà, Nerissa dovrà scegliere tra le rassicuranti menzogne della sua vecchia vita e le atroci verità che le rivelerà Daar, giovane combattente determinato a porre fine all’epoca della colonizzazione umana.

Domenica.png

Diciamolo una volta per tutte: leggere è una fase importante per la scrittura. Qual è il ruolo della lettura?
Il ruolo della lettura è molto soggettivo, ma imprescindibile. Leggendo non solo si impara a padroneggiare una lingua (no, la cittadinanza italiana non comporta il saper parlare perfettamente italiano, e una ripassata al libro di grammatica ogni tanto non fa male a nessuno) ma si risponde anche alla fatidica domanda: “che bella idea che ho avuto, non è che per caso è già stata scritta da qualcuno?”. Se il numero di lettori non fosse soverchiato da quello degli scrittori, non avremmo un mercato saturo di storie copia e incolla, banali a livelli imbarazzanti proprio perché, se non si legge, non si è allenati a formare pensieri complessi.
Per quanto riguarda me, ho cominciato a cimentarmi nella lettura ben prima delle scuole elementari. Rappresenta un bisogno quasi fisico; se non tocco libro per più di qualche settimana mi sento “intasata” di pensieri che hanno bisogno di fluire attraverso storie scritte da altri. Ho la necessità di prendere qualche minuto per me, per allontanarmi dalla realtà e cercare nuovi spunti di riflessione. È in quest’ottica che si può capire come io non tragga ispirazione da altre storie: leggere è come innaffiare il campo della mia immaginazione, e non posso sapere a priori cosa germinerà. Gli stimoli sono così tanti, non solo letterari, ma hanno bisogno delle parole altrui per essere colti.
Perciò vi consiglio di leggere tanto, anche nei momenti morti tra un autobus e una pausa pranzo, e di non limitarvi solo a pochi generi. Lasciatevi attrarre da un titolo, un’immagine, una quarta di copertina accattivante… non bazzicate sempre lo stesso angolo della libreria. Ma non è necessario che sia io, una sconosciuta, a dirvelo.

Ci sono altri libri non di fantascienza che ti hanno influenzata?
Assolutamente sì: Il Silmarillion di Tolkien fu la mia epifania. In verità, qualsiasi sua opera è una rivelazione, ma questa mi folgorò perché mi fornì un quadro completo della vastità dell’ingegno umano, delle infinite potenzialità della fantasia. Mi fece capire che i limiti esistono solo perché li imponiamo noi stessi, e mi rese determinata a creare i miei mondi, con personaggi e leggende caratteristici. Vivo infatti in un ambiente dove la scrittura (e la lettura) in ambito fantastico è vista come un hobby piuttosto infantile, e Il Silmarillion mi mostrò come fosse piuttosto un’arte. Ogni volta che lo sfoglio mi sento un po’ meno sola e con più voglia di stupire i miei lettori, nel mio piccolo.

Hai qualche consiglio per gli aspiranti scrittori che ci seguono?
Sull’importanza della lettura credo di avervi rotto abbastanza le scatole, quindi direi di passare a qualche consiglio più pratico.
Ieri vi ho raccontato la mia piccola epopea con le case editrici, ed è su questo aspetto che vorrei soffermarmi un momento. Su Facebook vedo moltissime persone chiedere info su una casa editrice seria, senza specificare né il genere di cui scrivono né cosa intendano per “seria”: in primis decidete subito di che genere è il vostro romanzo (rosa con sfumature horror, con un pizzico di thriller e una spolverata di chicklit non è un genere, dovrete scegliere massimo due parole) così da scartare subito nomi che non vi torneranno mai utili; in secundis, non basta che una casa editrice sia free per essere definita seria, deve anche avere politiche chiare su ristampe e royalties, non deve chiedervi l’invio di manoscritti cartacei né tantomeno rilegati e deve avere un buon rapporto con gli autori (potete provare a contattare alcuni di loro e capire se ne parlano con soddisfazione o con freddezza), anche e soprattutto in ambito professionale. Potrà sembrarvi la fiera delle banalità, ma posso assicurarvi che per troppe persone non è così. In un’epoca in cui è fin troppo facile speculare sui desideri altrui, dovete mobilitarvi per raccogliere tutte le informazioni possibili sulle realtà che volete affrontare; se sarete educati, non abbiate timore a contattare gli autori e, perché no, anche gli illustratori per sapere come lavora una certa casa editrice. Siete voi, con le vostre storie, a determinare la sopravvivenza di una certa realtà a discapito di un’altra.
Nel frattempo, però, non dimenticate di leggere anche i vostri colleghi 😉

Per me è stata una bellissima esperienza che mi ha permesso di conoscere una persona interessante e piacevole con cui confrontarmi, oltre che un libro che promette bene. Spero sia stato altrettanto per voi.

Come sempre, lo spazio adesso è vostro, potete fare le vostre domande a Marta!